È arrivata l’estate al sapore di frise e cialledde

“GIRO…GUSTANDO” – IN VIAGGIO
TRA SAPERI E SAPORI DI LOCOROTONDO
È arrivata l’estate al sapore di frise e cialledde

pubblicato su “Agorà- mensile dei trulli e delle cummerse”, luglio 2016 – anno 3- n.27, pag. 16)

di Valentina Mastronardi

DSC09008.JPG

La frisa e la cialledda sono piatti della tradizione estiva, freschi e digeribili. Seppur il pane sembra stia scomparendo dalle nostre ricche tavole ipercaloriche (Scianna,2013) il patrimonio genetico del pugliese e del mediterraneo più in generale, celiachia permettendo, è pane, frisa a’frise e frisella – a’freseddhe(impasto arricchito d’olio e ingredienti vari) e riusi con la cialledda.La frisa, pane disidratato realizzato col medesimo impasto, di grano duro o d’orzo per i più poveri, a forma di un grande tarallo che viene fatto lievitare e poi cotto nel forno a legna. Tirata fuori e ancora calda, viene tagliata a metà e reinfornata per la biscottatura, che la disidrata.Per gustarle basta ammollarle in acqua fresca per qualche istante, per alcuni il tempo di un segno della Croce (per più istanti tende a sfaldarsi assorbendo più acqua, si dice spunzete).E poi per condirle: pomodorini, sale, origano fresco e olio evo, ingredienti straordinari che raccontano un territorio e la sua storia dove la terra, la bellezza, l’amore, tutto questo ha sapore di pane(P.Neruda) Continue reading È arrivata l’estate al sapore di frise e cialledde

Domenica: sua maestà la polpetta è di casa

 

Dopo tanti mesi, oggi, domenica: sua maestà la polpetta è stata la regina di casa e della nostra tavola. Regina delle domeniche pugliesi, la polpetta di carne; con un morso puoi addentare la Puglia intera. la ricetta di mamma prevede delle varianti rispetto alla ricetta tradizionale con aglio e prezzemolo, infatti non vi sono cosa che le rende molto più digeribile e dall’ottimo gusto.  un tempo erano cotte sul fuoco e quanto a sapore anche lì c’era da leccarsi i baffi. in un attimo mi ritrovo nella mia infanzia, casa di mia nonna, la sua cucina, fulcro di tutta la casa e lei che prepara l’impasto e che non appena è pronto l’olio le forma con sapienza ingegneristica con i rebbi della forchetta.  quelle increspature irregolari dei bordi conferiscono ulteriore croccantezza pronti ad ospitare il sugo di pelati o quello di carne (direttamente nel piatto) o tuffandosi nel tegame. che bontà i sapori della tradizione!

la ricetta:

Continue reading Domenica: sua maestà la polpetta è di casa

Un concorso culinario per tramandare la tradizione

“GIRO…GUSTANDO”  – In viaggio tra saperi e sapori di Locorotondo

Un concorso per tramandare la tradizione

(“Agorà- mensile dei trulli e delle cummerse”, gennaio 2016 – anno 3- n.21)

 

di Valentina Mastronardi

 

Nel I° numero di questa rubrica si accennava a come un cibo, un profumo o pietanza abbiano un potere suggestivo e possiedano quel fascino intrinseco di raccontare una comunità e la storia di un territorio. Innegabile il rapporto cibo-memoria che è anche conoscenza di tradizioni culinarie e alimenti di un tempo passato e in alcuni casi perduti. Tra gli intenti di Girogustando I° concorso culinario amatoriale di dolci tipici natalizi, organizzato dalla sezione di Locorotondo dell’Associazione Ecomuseale di valle d’Itria, raccontare e tramandare la tradizione culinaria, il senso della famiglia e della condivisione di una ricetta che preparata per una festività, in questo caso natalizia, è capace di veicolare. Continue reading Un concorso culinario per tramandare la tradizione