Sant’Antonio da Padova…il santo del pane

“GIRO…DIVAGANDO”  – IL PATRIMONIO IMMATERIALE:

SPIGOLATURE, USI E COSTUMI, RICORDI

Sant’Antonio da Padova…il santo del pane

(pubblicato su “Agorà- mensile dei trulli e delle cummerse”, giugno 2016 – anno 3- n.26, pag. 16)

di Valentina Mastronardi

Il 13 giugno, giorno della morte avvenuta nel 1231 a soli 36 anni, la Chiesa celebra sant’Antonio da Padova, Doctor Evangelicus (proclamato tale da Pio XII nel 1946 e santo da Gregorio IX nel 1232), tra i culti più diffusi del cattolicesimo. Fernando Martins de Bulhões entrò giovanissimo nel monastero agostiniano São Vicente, poi a Coimbra dove fu ordinato sacerdote.Nel 1220 decise di dedicarsi alla missione francescana chiamandosi Antonio, in onore del Santo abate di origine egiziana, cui era dedicato il romitorio dei frati (comunemente noto per la malattia herpes zoster – “fuoco di sant’Antonio”) Dotato di grande umiltà, ma anche di sapienza e cultura nonché per le sue doti di predicatore, viaggiò molto tra l’Italia e la Francia dove, si dice, fosse stato inviato da san Francesco d’Assisi, per contrastare la diffusione del movimento dei catari. Sovente è raffigurato con fattezze giovanili, ha il privilegio di avere il Bambino tra le braccia e un giglio bianco in mano. Si distinse per la sua opera caritatevole e vicinanza verso i più deboli tra cui i bambini. Un miracolo a lui attribuito sarebbe all’origine di una delle forme di devozione popolare più singolari: la benedizione e distribuzione di pane ai poveri. Continue reading Sant’Antonio da Padova…il santo del pane

È arrivata l’estate al sapore di frise e cialledde

“GIRO…GUSTANDO” – IN VIAGGIO
TRA SAPERI E SAPORI DI LOCOROTONDO
È arrivata l’estate al sapore di frise e cialledde

pubblicato su “Agorà- mensile dei trulli e delle cummerse”, luglio 2016 – anno 3- n.27, pag. 16)

di Valentina Mastronardi

DSC09008.JPG

La frisa e la cialledda sono piatti della tradizione estiva, freschi e digeribili. Seppur il pane sembra stia scomparendo dalle nostre ricche tavole ipercaloriche (Scianna,2013) il patrimonio genetico del pugliese e del mediterraneo più in generale, celiachia permettendo, è pane, frisa a’frise e frisella – a’freseddhe(impasto arricchito d’olio e ingredienti vari) e riusi con la cialledda.La frisa, pane disidratato realizzato col medesimo impasto, di grano duro o d’orzo per i più poveri, a forma di un grande tarallo che viene fatto lievitare e poi cotto nel forno a legna. Tirata fuori e ancora calda, viene tagliata a metà e reinfornata per la biscottatura, che la disidrata.Per gustarle basta ammollarle in acqua fresca per qualche istante, per alcuni il tempo di un segno della Croce (per più istanti tende a sfaldarsi assorbendo più acqua, si dice spunzete).E poi per condirle: pomodorini, sale, origano fresco e olio evo, ingredienti straordinari che raccontano un territorio e la sua storia dove la terra, la bellezza, l’amore, tutto questo ha sapore di pane(P.Neruda) Continue reading È arrivata l’estate al sapore di frise e cialledde